vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

BFI - Il fondo bibliografico di Giuseppe Raimondi in Opac

Dal 1° gennaio 2012 le notizie bibliografiche dei volumi appartenenti al fondo Giuseppe Raimondi sono state trasferite nel nostro gestionale e quindi appaiono nell'Opac del Polo bolognese SBN con le localizzazioni "Bibl. del Dip. di Filologia Classica e Italianistica".

Gli utenti hanno diritto alla consultazione del materiale, che presenta la collocazione FR ARTE, FR LI e FR LS, mentre il prestito, come per tutti i fondi storici, non è consentito.

 

Il fondo Giuseppe Raimondi è di proprietà della Soprintendenza per i beni librari e documentari che lo acquistò nel 1988 dagli eredi, lo catalogò nel proprio Polo RER SBN e lo depositò presso la Biblioteca del Dipartimento di Italianistica per consentirne un'agevole fruizione da parte di docenti e studiosi.

Il fondo è costituita da migliaia di volumi e periodici principalmente di letteratura italiana (prevalgono le opere dei e sui narratori e poeti del '900, ma non mancano i classici della letteratura italiana. Numerose le dediche degli autori allo scrittore e, come in tanta parte dei volumi, annotazioni di studio di Raimondi). Molto ricco è poi il settore di letterature straniere, soprattutto quella francese. Altro consistente settore è quello di arte italiana (ca. 1.200) e arte straniera (ca. 700).

Importantissima fonte storica è costituita dalla documentazione archivistica. Nel fondo si conservano le migliaia di lettere con i maggiori scrittori, artisti e critici con i quali Raimondi ebbe spesso profondi e duraturi rapporti di amicizia e stima; molto ricca è poi la raccolta di manoscritti che comprende: materiali per conferenze; centinaia di quaderni e taccuini di appunti e abbozzi di lavori; moltissimi manoscritti e dattiloscritti di articoli per quotidiani e riviste; manoscritti, dattiloscritti e bozze delle opere dello scrittore; ritagli di articoli di e su Giuseppe Raimondi. Il fondo archivistico è in fase di inventariazione all'interno del progetto "Città per gli Archivi".

Pubblicato il 25 gennaio 2012