vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Martino Capucci, Una «savia empiria erudita»

Presentazione del volume

21/01/2016 dalle 17:00 alle 19:00

Dove Modena, LICEO L.A. MURATORI (Via Cittadella 50)

Aggiungi l'evento al calendario

ASSOCIAZIONE AMICI DEL MURATORI

Presentazione del volume

MARTINO CAPUCCI, Una «savia empiria erudita». Saggi di letteratura italiana tra Sei e Ottocento, a cura di Andrea BATTISTINI, Renzo CREMANTE, Andrea CRISTIANI
(Ospedaletto - Pisa, Pacini, 2015).

SALUTO DEL PRESIDENTE Professor GIORGIO ZANETTI (Università di Modena e Reggio Emilia)

PRESENTANO IL VOLUME
Professor LUCA DANZI (Università di Milano)
Professor QUINTO MARINI (Università di Genova).

Saranno presenti i curatori.



Modenese di adozione, Martino CAPUCCI (1926-2013) ha insegnato Letteratura italiana nell’Università di Bologna dal 1971 al 1996. E’ stato direttore del Centro di studi muratoriani di Modena dal 1988 al 2003 e direttore della rivista “Studi secenteschi” dal 1981 al 2013. I saggi, mai raccolti in volume, abbracciano alcuni temi fra i più rappresentativi del magistero critico di Martino Capucci: le variegate tipologie del romanzo barocco; questioni capitali dell’elaborazione storiografica settecentesca, tra Ludovico Antonio Muratori e Luigi Lanzi; aspetti e momenti della poetica e della poesia di Leopardi. All’interno di un’idea organica ed estensiva di letteratura, convergente nelle grandi istituzioni settecentesche del giornale letterario e della biblioteca, i diversi problemi critici sono affrontati con una competenza che asseconda la vocazione dello storico e, nel senso più alto del termine. dell’erudito, mai disgiunta dalla deontologia dell’accertamento del fatto, della precisione, dello scrupolo. Di qui la costante attenzione riservata alle coesistenze e alle articolazioni ben più che alle opzioni semplificative, in una convergenza di saperi che per altro non pretendono mai di ridurre forzosamente l’analisi a unità, esorcizzata con l’ostinato ricorso alla pratica solida e inoppugnabile dell’erudizione.