vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Professione laurea - I Incontro Laurea magistrale (LM14) - Lavoro

Quali prospettive di lavoro per i laureati nella LM in "Italianistica, Culture letterarie europee, Scienze linguistiche"? Tavola rotonda con i professionisti del mondo della cultura.

10/06/2015 dalle 09:30 alle 18:30

Dove Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica - Aula Pascoli

Partecipanti Isabella Araldi (Zanichelli), Laura Ciancio (ICCU), Piera Fiorito (coop Le pagine), Enrica Manenti (AIB), Augusto Cherchi (ANAI), Angelo Guerriero (Almalaurea), Silvia Mazzini (Regesta), Roberto Lippi (Open group), Natascia Ronchetti (Sole 24 ore)

Aggiungi l'evento al calendario

TAVOLA ROTONDA

Parteciperanno all'incontro il presidente dell'Associazione Italiana Biblioteche, il presidente dell'Associazione Nazionale Archivistica Italiana, dirigenti di società di servizi per musei, biblioteche e archivi e di società informatiche operanti nel settore delle digital humanities e della linguistica, funzionari del Ministero dei beni, delle attività culturali e del turismo, editori italiani.

La tavola rotonda, dedicata al confronto tra quanti sono impegnati nella Laurea Magistrale in "Italianistica, Culture letterarie europee, Scienze linguistiche" ed esponenti delle professioni culturali, è rivolta agli studenti e ai docenti ma anche alla città e alla più ampia platea di quanti aspirano ad intraprendere un percorso formativo propedeutico all’ingresso nel mondo del lavoro intellettuale. Lo scopo è attivare uno scambio di informazioni tra la società e l'Università da cui emergano da un lato il bisogno di competenze nuove, avvertite da associazioni professionali e datori di lavoro pubblico e privato, dall'altro la necessità di rafforzare conoscenze e abilità già acquisite durante la Laurea. Quali professionalità sono oggi attese da un laureato magistrale in Italianistica, Culture letterarie europee, Scienze linguistiche e quali carenze si riscontrano nei profili degli stessi laureati? Come migliorare, quindi, l'offerta formativa del Corso, per renderla più vicina e rispondente ai bisogni educativi espressi dalla società?