vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Testi greci cristiani e traduzioni armene: un viaggio di andata e ritorno

Giornata di Studi

12/10/2018 dalle 09:15 alle 18:30

Dove Bologna, Ficlit (via Zamboni 32) - Aula Forti (primo piano) e Aula Pascoli (piano terra)

Aggiungi l'evento al calendario

Testi greci cristiani e traduzioni armene:

un viaggio di andata e ritorno


Mattino, ore 9.00 Aula Forti, I piano

FRANCESCO CITTI Direttore del Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica
Saluto d’inizio

Presiede: ANTONIO CACCIARI (Università di Bologna)

9.30-10.00 SEVER VOICU (Biblioteca Apostolica Vaticana – Augustinianum, Roma)
Le traduzioni patristiche dal greco in armeno

10.00-10.30 PAOLA PONTANI (Università Cattolica del S. Cuore, Milano)
La versione armena di Filone e il suo uso filologico: un caso esemplare

10.30-11.00 EMILIO BONFIGLIO (Università di Vienna)
Il corpus di Giovanni Crisostomo nell’Armenia medioevale

11.00-11.30 Pausa caffè

11.30-12.00 CLARA SANVITO (Universidad Eclesiástica San Dámaso, Madrid)
La versione armena dell’Epideixis di s. Ireneo: per una comprensione dell’originale greco perduto e di una citazione ebraica non identificata (Epid. 43)

12.00-12.30 MARCO BAIS (Pontificio Istituto Orientale, Roma)
Variatio vs quasi sinonimia: il caso di hovani/stower in Epideixis 71

Discussione

Pausa pranzo

 

Pomeriggio, ore 15.00 Aula Pascoli, piano terra

Presiede: ANNA SIRINIAN (Università di Bologna)

15.00-15.30 MORENO MORANI (Università di Genova)
Antiche traduzioni armene di testi greci: riflessioni filologiche e linguistiche

15.30-16.00 VALENTINA CALZOLARI (Université de Genève)
Stefano il protomartire e i Padri della Chiesa: su alcune omelie, greche e siriache, conservate solo in traduzione armena

16.00-16.30 PAOLO LUCCA (Università Ca’ Foscari, Venezia)
Lezioni esaplari nella versione armena della Bibbia

16.30-17.00 SARA SCARPELLINI (Université de Genève)
Apostoli che parlano armeno: riflessioni filologico-linguistiche sulla traduzione degli Atti apocrifi di Pietro e Paolo

Discussione finale