vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Contesto nazionale

Il Dipartimento collabora a livello locale con tutti i Dipartimenti dell’area umanistica sia in maniera formale tramite ricerche finanziate, organizzazione comune di convegni e seminari, sia in maniera informale, con collaborazioni, scambi di opinioni e referee di pubblicazioni tra docenti, correlazioni di tesi.

Livello locale:

  • Comune (soprattutto la Biblioteca dell’Archiginnasio, Assessorato alla Cultura del Comune Bologna, Teatro Arena del Sole, Fiera del libro per ragazzi, Progetto Media),
  • Provincia di Bologna,
  • Istituto Gramsci (sede di alcuni corsi di aggiornamento sulle letterature classiche, di seminari, di presentazioni di pubblicazioni),
  • Centro San Domenico.

Rapporti più strutturati riguardano:

  • IRRSAE Emilia Romagna,
  • Associaz. Progetto per la scuola,
  • Sinform,
  • Accademia delle Scienze di Bologna,
  • numerose case editrici quali Zanichelli, il Mulino, Clueb (che stampa fra l’altro le collane «Papers on Grammar», «Papers on Rhetoric», e le 2 serie relative di «Monographs»), Pàtron (che stampa fra l’altro la rivista «Eikasmós», con le 2 serie di «Sussidi» e «Studi», ed inoltre le 2 serie «Testi e manuali per l’insegnamento universitario del latino», diretta dal prof. A. Traina, e «Edizioni e Saggi universitari di Filologia classica», diretta dai proff. Calboli, Ghiselli, Mariotti, Traina), Pendragon, Cappelli.
  • Per l’ambito cristiano e medievale si segnalano inoltre i rapporti con l’Istituto per le Scienze religiose e lo Studio Teologico Accademico Bolognese (STAB).

Per i rapporti istituiti a livello nazionale ci si limita a qualche esempio, considerando in particolare quelli formalizzati in progetti di ricerca finanziati: si tratta di ricerche in collaborazione prevalentemente con Dipartimenti di Filologia classica o di Scienze dell’antichità delle università Bari, Catania, Chieti, Ferrara, Firenze, Lecce, Napoli, Parma, Perugia, Pisa, Roma III, Trento, Venezia.

Scambi seminariali e ricerche particolari (ad esempio l’edizione del Corpus dei papiri esegetici e lessicografici greci, CLGP, insieme alle Univ. di Genova, Milano Cattolica, Köln, Cambridge; o le ricerche di Didattica del Latino, in particolare assieme all’Università di Genova), o lo scambio di materiali e di referee con le riviste («Bollettino di Studi Latini», «Lexis», «Poiesis», «Rivista di Bizantinistica», «Seminari Romani», e con la sezione italiana dell’Année Philologique) sono svolte in collaborazioni con docenti delle università di Cassino, Ferrara, Firenze, Foggia, Genova, Milano Cattolica, Milano Statale, Napoli, Padova, Palermo, Pisa, Roma La Sapienza e Roma Tor Vergata, Salerno, Udine, Venezia, Verona.

A livello nazionale, le collaborazioni con enti non universitari e centri di ricerca riguardano – oltre il CNR e, occasionalmente, il Ministero per i Beni Culturali – perlopiù:

  • Accademie (Lincei, Properziana, Pascoliana, il Centro Ciceroniano),
  • Biblioteche come l’Oliveriana di Pesaro, l’Ambrosiana di Milano,
  • Centri come l’Istituto dell’Enciclopedia Italiana (con numerosi interventi per l’Enciclopedia Oraziana e Virgiliana), l’IRRSAE Liguria (per la didattica).

 

Nel maggio 2009, per iniziativa di alcuni docenti dell’università e delle scuole superiori di Bologna, si è ricostituita la Delegazione locale dell’Associazione Italiana di Cultura Classica (AICC). Secondo quanto previsto dallo statuto nazionale, che si propone come scopo la diffusione della cultura classica nella società moderna, punti essenziali dell’attività di tale associazione sono una più stretta e proficua (e tanto più necessaria nella situazione attuale) collaborazione tra scuola media superiore e università e l’aggiornamento permanente dei docenti e degli insegnanti delle discipline classiche.
Per questo, la ricostituita Delegazione ha avviato la sua attività in stretta collaborazione con il Dipartimento di Filologia Classica e Medioevale dell’Università di Bologna, individuando nelle pubbliche manifestazioni che il Dipartimento organizza già da alcuni anni, in particolare nel ciclo di conferenze "Filologia e Letteratura Classica a Bologna (FLCB)", nei "Seminari Degani", e nelle attività del Centro Studi "La permanenza del Classico" alcuni momenti forti di tale collaborazione.

Accanto a tali occasioni sono previste alcune iniziative rivolte in particolare a chi coltiva queste discipline per formazione professionale o per piacere personale (conferenze, lezioni, visite guidate, gite sociali, letture sceniche di testi classici, etc.), che hanno avuto luogo e ancora si svolgeranno presso i Licei bolognesi, allo scopo di coinvolgere in qualche modo anche gli allievi.

In evidenza

ADI - Associazione degli italianisti
L'Associazione degli Italianisti si è costituita formalmente l'11 maggio 1996, con l'obiettivo di rappresentare le categorie professionali degli universitari italiani che operano nell'ambito delle discipline afferenti agli studi dell'Italianistica.
AICC - Associazione Italiana di Cultura Classica
L’Associazione Italiana di Cultura Classica, fondata nel 1897, è una delle oltre ottanta Associazioni di Studi Classici appartenenti a più di sessanta Paesi.